nome analisi:
Acido Folico (S)
metodo:
Chemioluminescenza
codice nazionale:
90232
digiuno:
Almeno 6h
prelievo:
Sangue: 5 mL Siero: 500μl
contenitore:
Provetta: TR tappo rosso
stabilità:
a 2-8°C: 2 gg
a -20°C: 3 mesi
unità di misura:
μg/L
valori di riferimento:
3.0 – 17.0
tempi per refertazione:
48h
note:
descrizione:

L'acido folico è necessario per le funzioni dei globuli rossi e dei globuli bianchi e per la sintesi dei geni in tutte le cellule. E' contenuto, prevalentemente sotto forma di poliglutammati, in alcuni alimenti. Dopo l'idrolisi dei poliglutammati nel tratto digerente, viene assorbito a livello del digiuno prossimale.
Il suo fabbisogno giornaliero va dai 50 ai 100 microg/die. Le sue riserve epatiche sono molto labili e possono rapidamente esaurirsi nel caso di scarso apporto nutrizionale. L'acido folico è presente nelle uova, nel latte, nei vegetali a foglia, nei lieviti, nel fegato, nella frutta, e viene anche prodotto dai batteri intestinali; viene immagazzinato nel fegato. L'Acido Folico svolge un ruolo essenziale nella sintesi delle basi puriniche e pirimidiniche; di conseguenza una sua carenza comporta una ridotta sintesi di DNA. L'Ac. Folico interviene anche nella sintesi della metionina a partire dall'omocisteina in presenza di Vitamina B12.
Il test è indicato nella diagnosi differenziale dell'anemia megaloblastica. Per la completezza della diagnosi deve essere misurata nel siero anche la Vitamina B12, perchè in più del 50% dei casi di anemia megaloblastica c'è una carenza di B12 piuttosto che di folati.

 Indicazioni cliniche :Anemia megaloblastica da carenza, gravidanza, terapia con farmaci (methotrexate), malassorbimento, alcolismo, iperomocistinemia.