nome analisi:
RAST ACARI E POLVERI DI CASA
metodo:
Immunometrico
codice nazionale:
digiuno:
SI
prelievo:
Sangue: 5 mL Siero: 1 mL
contenitore:
Provetta: TR tappo rosso
stabilità:
a 2-8°C: 7gg
a -20°C: 6 mesi
unità di misura:
kU/L
Classe
valori di riferimento:
Fino a 0.35 - classe 0 (negativo)
0.35 - 0.70 - classe 1 (basso)
0.70 - 3.50 - classe 2 (moderato)
3.50 -17.5 - classe 3 (medio alto)
17.5 - 52.5 - classe 4 (alto)
52.5 - 100 - classe 5 (molto alto)
più di 100 - classe 6 (altissimo)
tempi per refertazione:
48h
note:
descrizione:

L'allergia all'acaro della polvere è una iper-reazione del sistema immunitario provocata da piccoli artropodi comunemente presenti nell'ambiente domestico.
Gli acari della polvere si nutrono principalmente di prodotti della  desquamazione umana e animale. Le moderne abitazioni creano un microclima caldo e umido, ideale per la loro proliferazione. L'allergia agli acari è una delle forme allergiche più diffuse. Gli acari sono responsabili di circa il 75% delle allergie respiratorie e possono provocare disturbi in qualsiasi momento dell'anno.
La manifestazione dell'allergia agli acari della polvere può variare: può essere lieve o grave. La reazione allergica, causata dall'inalazione dei resti di acari morti e delle loro feci, si può manifestare con sintomi soprattutto respiratori (rinite e/o asma). Talvolta, compaiono anche arrossamento/gonfiore agli occhi, lacrimazione, fastidio alla luce, senso di malessere generale, debolezza e stati di ansia. Gli allergeni causano il rilascio di istamina che provoca congestione nasale, gonfiore e irritazione delle vie respiratorie superiori.
I sintomi dell'allergia agli acari della polvere possono comparire simultaneamente oppure in fasi successive.
Sintomi causati da infiammazione delle vie nasali:rinite: ostruzione nasale, starnuti (in rapida successione), naso che cola (rinorrea);congiuntivite: lacrimazione, arrossamento, prurito, gonfiore e irritazione agli occhi;prurito al naso, al palato o alla gola.
Sintomi associati ad asma e difficoltà respiratorie:oppressione toracica; respirazione sibilante (fischio udito in fase di espirazione); tosse secca;difficoltà di respirazione (soprattutto durante il sonno o in fase di sforzo fisico); disturbi del sonno a causa della mancanza di respiro, tosse o dispnea.
In alcuni casi, l'allergia agli acari può provocare: eczema atopico, arrossamento, eruzioni cutanee;arrossamento cutaneo e prurito a livello del viso e del cuoio capelluto. I disturbi del sonno e lo stato di affaticamento permanente, causati dall'allergia agli acari, possono influenzare negativamente le attività quotidiane, scolastiche e professionali, andando ad incidere negativamente sulla qualità della vita.