nome analisi:
Mioglobina (S)
metodo:
ELFA
codice nazionale:
90335
digiuno:
Almeno 6h
prelievo:
Sangue: 5 mL Siero: 300 µl
contenitore:
Provetta: TR tappo rosso
stabilità:
a 2-8°C: 2 gg
a -20°C: 1 mese
unità di misura:
µg/L
valori di riferimento:
Fino a 50
tempi per refertazione:
In giornata
note:
descrizione:

La mioglobina è una cromoproteina  pirrolica di origine muscolare, costituita da un ferroeme e da  globina. La mioglobina lega reversibilmente una molecola di ossigeno con formazione di ossimioglobina ed agisce come "trasportatore intermedio" trasferendo ossigeno alla cellula muscolare. Il passaggio nel sangue e nell'urina di questa proteina è indice di distruzione muscolare (muscolo scheletrico e miocardio). Il dosaggio in corso di infarto miocardico dimostra un aumento dopo la seconda ora, un picco entro 7-10 ore ed aumento significativo sino a 18 ore. E' perciò l'indice precoce di infarto miocardico ed i valori sono correlati alla sua estensione.

Nelle urine compare in corso di ipermioglobulinemie.

Un aumento dei valori normali di mioglobina può essere dovuto a:

Cause ereditarie: deficit di fosforilasi - deficit di fosfofruttochinasi - sindromi incompletamente caratterizzate (eccesso di produzione di lattato, diminuita ossidazione degli acidi grassi) - sindromi non caratterizzate (difetti biochimici familiari non conosciuti)

Cause sporadiche: sforzo fisico (non allenati, maratoneti, reclute militari, ecc.) - ischemia (occlusione arteriosa, compressione arteriosa, convulsioni dovute ad una crisi epilettica, elettroshock, ecc.) - alterazioni metaboliche (depressione metabolica: intossicazioni da CO, barbiturici, narcotici; tossici e farmaci: eroina, teofillina, salicilati, amfetamina, ecc.; altre cause: ipokalemia, calore, disidratazione, febbre e infezioni sistemiche) - malattie muscolari acquisite - interventi urologici -