nome analisi:
Glucosio (dU)
metodo:
Enzimatico
codice nazionale:
90271
digiuno:
NO
prelievo:
Urine: 24 h
contenitore:
Provetta: CU24
stabilità:
a 2-8°C: 12 h
a -20°C: 2 mesi
unità di misura:
mg/24h
valori di riferimento:
Assente
tempi per refertazione:
In giornata
note:

Occorre la raccolta delle urine 24h.

descrizione:

In condizioni normali il glucosio non è presente nell'urina, perché  il rene riassorbe a livello tubulare il glucosio filtrato dal glomerulo. Solo quando  quando la sua concentrazione ematica  (glicemia) supera i 180 mg/dL ( soglia renale) , il glucosio compare nelle urine.
Nella maggior parte dei casi, la presenza di glucosio nelle urine è legata a malattie caratterizzate da una glicemia elevata, come il diabete mellito, la sindrome di Cushing e l'ipertiroidismo o da problemi renali. In assenza di queste cause, una glicosuria potrebbe essere riscontrata   in soggetti sottoposti ad infusione di fluidi contenenti glucosio , dopo l'assunzione di alcuni farmaci  o in gravidanza in cui si ha un abbassamento fisiologico della soglia renale. Nei diabetici, la glicosuria delle 24 ore è richiesta per verificare l'andamento della malattia e l'adeguatezza della terapia rispetto alla dieta. In questi pazienti, l'esame della glicosuria è stato per molto tempo, in passato, l'unico mezzo a disposizione per monitorare, anche a domicilio, l'efficacia delle cure. Attualmente, questo ruolo è occupato dal monitoraggio domiciliare della glicemia, tuttavia l'autocontrollo della glicosuria è considerato un test complementare a quello della glicemia, in quanto fornisce informazioni aggiuntive per una corretta gestione del diabete: il dosaggio della glicemia, infatti, rivela i livelli di glucosio al momento del prelievo, mentre quello della glicosuria fornisce informazioni sui valori di glicemia nelle ore precedenti l'ultima minzione, permettendo di sapere se in quel periodo si è verificato anche un solo episodio di iperglicemia.