nome analisi:
Elettroforesi Proteica (S)
metodo:
Agarosio
codice nazionale:
90384
digiuno:
Almeno 6h
prelievo:
Sangue: 5 ml Siero: 100 μl
contenitore:
Provetta: TR tappo rosso
stabilità:
a 2-8°C:3 gg
a -20°C: 2 mesi
unità di misura:
%
valori di riferimento:
proteine totali: 6.40 – 8.10 g/dL
albumina: 3.60 – 5.20 g/dL
alfa-1: 0.15 - 0.40 g/dL
alfa-2: 0.45 - 1.00 g/dL
beta: 0.55 - 1.10 g/dL
gamma: 0.60 - 1.50 g/dL
globuline totali: 2.10 - 3.50 g/dL
rapporto A/G: 1.10 - 2.10 g/dL
tempi per refertazione:
24h
note:
descrizione:

L'Elettroforesi delle Proteine Sieriche ( EF) permette di distinguere 5 frazioni corrispondenti a numerose proteine plasmatiche: le albumine, le alfa1-globuline (α-glicoproteina acida, α-fetoproteina, α1-antitripsina), le alfa2-globuline (aptoglobina, protrombina, cerulopalsmina, colinesterasi, α2-macroglobulina), le beta-globuline (β-lipoproteine, transferrina, frazione C3 del complemento) e le gamma-globuline (anticorpi o immunoglobuline). Variazioni nelle percentuali di tali frazioni sono caratteristiche di numerosi stati patologici. 
L'albumina aumenta nella deidratazione (vomito, diarrea, ustioni) e diminuisce in patologie del fegato, renali e gastrointestinali, malnutrizione e cachessia. 
Le alfa 1 globuline sono aumentate in caso di patologia infiammatoria o neoplastica attiva, gravidanza, nefrosi, malattie epatobiliari, diabete, ipotiroidismo.
Le alfa 2 globuline sono aumentate nelle malattie ad impronta infiammatoria e distruttiva quali le neoplasie, nella febbre reumatica, nella sindrome nefrosica, nel diabete mellito, in gravidanza, infezioni, necrosi, traumi, ustioni.
Le gamma globuline comprendono IgG, IgA, IgM, IgD, ed IgE. Una elevazione diffusa policlonale e' segno di un processo immunologico cronico (cirrosi ed epatite cronica attiva), patologie del collageno, patologie infettive, stati infiammatori, neoplasie. Un aumento monoclonale della frazione gamma indica un incremento di una singola immunoglobulina spesso incompleta o con caratteri anomali e privi di attività anticorpale, correlato con la proliferazione iperplastica o neoplastica di un clone plasmacellulare.
Il valore del rapporto quantitativo tra albumina e globuline (rapporto A/G) ha  importanza diagnostica orientativa ; in linea di massima le modificazioni delle sieroproteine in caso di eventi morbosi vanno nel senso di una diminuzione di albumina e di un aumento delle globuline e perciò di un abbassamento del loro rapporto quantitativo. L'impiego clinico  di maggiore importanza della EF  è la rilevazione delle gammopatie monoclonali.