nome analisi:
CEA (S)
metodo:
Chemioluminescenza
codice nazionale:
90563
digiuno:
Almeno 6h
prelievo:
Sangue: 5 mL Siero: 200 μl
contenitore:
Provetta: TR Tappo rosso
stabilità:
a 2-8°C: 3 gg
a -20°C: 3 mese
unità di misura:
µg/L
valori di riferimento:
0.0 - 5.0
Fumatori: fino a 8.0

tempi per refertazione:
In giornata
note:
descrizione:

Il CEA (Antigene Carcino Embrionario) e' una glicoproteina o meglio una famiglia di glicoproteine dal peso molecolare di circa 200.00 daltons  che, insieme all'Alfafetoproteina, costituisce uno dei marker tumorali storici. Infatti fu proprio il CEA (1965 Gold e Freedman) la prima sostanza ad essere dosata sia nei tessuti neoplastici che nel sangue dei pazienti. Dato che la componete glicidica  si combina in più modi con quella proteica possiamo avere differenti siti antigenici e pertanto risposte analitiche in parte variabili a seconda della metodologia di dosaggio e della specificita' dell'anticorpo usato..
 Il CEA può risultare aumentato in molti tumori tra cui i carcinomi del fegato, del pancreas, dello stomaco, del polmone, del colon e della mammella.
Condizioni di incremento non correlate a neoplasie si hanno nelle epatiti croniche, nelle cirrosi, e in molte patologie infiammatorie croniche dell'intestino. Come tutti i markers tumorali  la sua principale utilita' sta' nel follow-up postoperatorio per la determinazione di eventuali recidive o metastasi. Non dovrebbe essere usato come screening in soggetti apparentemente sani asintomatici. E' da ricordare che i fumatori hanno livelli di CEA più alti dei non fumatori.